Passa ai contenuti principali

Qualcuno dica agli utili idioti della sinistra mondialista che non è possibile conciliare globalizzazione e giustizia sociale.


Senza decostruire i modelli infami che permettono oggi ad una sparuta ed arrogante élite di dominare masse rese docili per mezzo della paura e della propaganda non risolveremo mai il problema. Intanto chiediamoci: qual è il problema? Il problema è costituito in estrema sintesi dall’avanzamento- apparentemente inarrestabile- di un processo politico- chiamato globalizzazione- che tende in ultima istanza a creare una sorta di “governo unico” che uniformi il mondo intero intorno ai concetti di “democrazia liberale”, “diritti umani” e “commercio senza frontiere”. La fase ultima del “capitalismo”, definita da alcuni “turbofinanziaria” (Luciano Gallino, Nino Galloni e altri), tende a depotenziare gli Stati nazionali, vissuti quali vecchi arnesi da abbattere al più presto per entrare definitivamente nell’era dorata della “postmodernità”. Senza metabolizzare prima questa indispensabile premessa non è possibile capire molto, nemmeno perché un progetto evidentemente fallito come la Unione Europea continui a mostrare segni di irrazionale resilienza. Un indispensabile libro scritto nella seconda metà degli anni novanta dal politologo statunitense di origine polacca Zbigniew Brzeziski- “La Grande Scacchiera”- spiega bene il senso di marcia di un processo storico che Francis Fukuyama aveva battezzato “fine della storia”. Dopo la caduta del muro di Berlino, infatti, tanti pensatori liberali andarono in estasi, sicuri di poter adesso imporre in ogni angolo della Terra i modelli e gli stili di vita tipici dell’Occidente ricco. Si spiegano in questa ottica le guerre in Jugoslavia prima e in Medio Oriente poi, tutti pezzi di un unico mosaico che un manipolo di invasati incastrava in maniera sanguinosa nella convinzione di assecondare le implacabili “leggi della storia”. I signori della globalizzazione in atto credono che la storia segua un percorso “lineare”, indicando all’uomo un fine escatologico da raggiungere nella sua corsa verso il progresso. E quale sarebbe questo obiettivo ultimo che tutti i popoli sarebbero chiamati a raggiungere? Quello di adottare i valori dell’Occidente decadente, ovvero il materialismo, il culto per il denaro e per l’individuo atomizzato e sradicato. I popoli che dimostrano di non gradire questa prospettiva, vengono conseguentemente dipinti dai media di regime come barbarici, violenti e oscurantisti, da “civilizzare” anche per mezzo delle bombe “intelligenti” e “democratiche” che tipi alla Bush o Blair sganciavano allegramente per il mondo. Questa follia concettuale- che permea in profondità tutti i principali partiti di “sinistra” continentali e anglosassoni- ci tiene in ostaggio. I vari Tsipras, Iglesias e ora perfino Corbyn (il leader del Labour inglese ha chiesto vergognosamente che si tenga un nuovo referendum nel Regno Unito per annullare la “brexit” già votata dal popolo) hanno fallito e falliranno perché non capiscono che conciliare “globalizzazione” e “giustizia sociale” è un ossimoro. Per cui, nella migliore delle ipotesi, i leader delle sinistre contemporanee sono simili agli “utili idioti” (del Capitale in questo caso) cari a Lenin. Le farneticazioni di “cattivi maestri” come Toni Negri- autore di libri come “Impero”- esplicitano i gravissimi errori di una intera area politica convinta di poter rinverdire il mito della lotta di classe a globalizzazione avvenuta, non capendo che la globalizzazione rappresenta ontologicamente- ora e sempre- il campo di gioco prediletto dall’Uomo di Davos e non dal metalmeccanico di Mirafiori. Per cui le sinistre, proiettando in un futuro immaginifico il momento di una riscossa che non arriverà mai, ci condannano a vivere un presente triste e infernale. E’ bene che tutti ne prendano atto.

Francesco Maria Toscano

9/07/2019

Post popolari in questo blog

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’a…

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…