Passa ai contenuti principali

La "nuova Europa" , il "tradimento" dei sovranisti e il bisogno di organizzare una forza autenticamente sovranista. Ci vediamo il 27 luglio a Civitanova Marche insieme a Diego Fusaro.


La migliore sintesi l’ha offerta probabilmente il leader degli antieuropeisti inglesi Nigel Farage: “Giuseppe Conte è un premier che fa non gli interessi dell’Italia ma quelli di Bruxelles, Di Maio e Salvini hanno sbagliato a puntare su di lui”. La nomina infatti di due note arpie come Ursula Von Der Leyen e Christine Lagarde- ai vertici della “nuova Europa” sa di provocazione, per non dire peggio. Eppure Conte è tornato in Italia tutto contento, come se avesse fatto bingo. Francia e Germania non sentono più il bisogno di mascherare il loro dominio sulle nazioni vassalle che compongono una Ue sempre più simile alla vecchia Urss, imponendo adesso direttamente i loro uomini nei punti nevralgici del sistema. A capo della commissione europea, al posto di un vecchio ubriacone lussemburghese come Juncker, c’è ora una tedesca fanatica che ha più figli che voti (nessuno in Europa ha votato per Von Der Leyen); mentre la francese Lagarde prende il posto dell’(anti) italiano Mario Draghi. I “gialloverdi”- in compagnia delle loro illusioni sull’Europa che “si cambia da dentro”- tornano in Patria umiliati e sbeffeggiati. Von Der Leyen e Lagarde sono espressione feroce dei poteri oligarchici che affamano l’Europa, figure ambigue e sadiche che si sono “sporcate le mani” (di sangue innocente) negli anni della crisi greca. Von Der Leyen pretendeva l’oro di Atene quale “pegno” per gli “aiuti” che la comunità internazionale concedeva agli ellenici, mentre Lagarde, a capo del FMI, costituiva il pezzo forte di quella “Troika” che materialmente operava per aumentare il numero dei suicidi e della mortalità infantile (numeri che, per pudore, persino un cerbero come Federico Fubini sentiva il bisogno di nascondere). Queste due donne vengono oggi premiate proprio nella misura in cui hanno contribuito a seminare dolore, miseria e morte nel Vecchio Continente. Di fronte a questo scempio ci saremmo aspettati un sussulto da parte di chi, a parole, da mesi promette di “ribaltare l’Europa come un calzino”. E’ questo il cambiamento che Di Maio e Salvini avevano promesso agli italiani? E’ in nome di queste “brillanti nomine” che i nostri pavidi governanti hanno archiviato la battaglia per l’uscita dalla moneta unica? ‘Nnamo bene, proprio bbene…direbbe Sora Lella. In verità Di Maio e Salvini, nascondendosi dietro la sagoma dello scolorito Conte, stanno facendo quello che Berlusconi e Bersani fecero al tempo di Monti. Di Maio e Salvini sappiano però che gli italiani non sono scemi, e sanno benissimo che Conte governa solo perché i numeri in Parlamento li garantiscono i leghisti e i pentastellati. Pensare quindi di addossare la responsabilità di scelte vergognose solo sulle spalle dei “tecnici” Conte, Tria e Moavero è da veri ingenui. In ogni caso è oramai chiaro che l’Europa è irriformabile e bisogna soltanto fuggire il prima possibile per riconquistare una sovranità perduta. Di fronte però al tradimento delle attuali forze di governo, pur sempre meglio delle miserabili opposizioni presenti in Parlamento (a partire dal Pd), dobbiamo rapidamente agire per costruire una forza politica in grado di difendere l’interesse nazionale con chiarezza e coraggio. Un movimento di popolo che trascini al più presto l’Italia fuori dall’inferno della Ue, capace di affrontare una battaglia lunga e difficile ma necessaria e non rinviabile. Diego Fusaro è oggi l’unico uomo in Italia che ha la credibilità per dare forza una operazione del genere. Ci vediamo perciò il 27 luglio a Civitanova Marche per gettare le basi di questo nuovo partito insieme a Diego e a tutti gli uomini liberi e forti che non vedono l’ora di uscire “a riveder le stelle”. Siete tutti invitati.

Francesco Maria Toscano

4/07/2019


Post popolari in questo blog

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’a…

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…