Passa ai contenuti principali

IL GOVERNO TECNICO C’E’ GIA’ E LO GUIDA GIUSEPPE CONTE


Alcuni temono che lo scandalo “Lega-Savoini” possa far precipitare la situazione fino al punto da far cadere i “gialloverdi” e aprire la strada ad un “governo tecnico”, magari guidato da Mario Draghi di ritorno da Francoforte. Questa prospettiva è effettivamente realistica, ma chi la agita omette un particolare importante: anche l’attuale governo- quello guidato dal presunto “avvocato del popolo” Giuseppe Conte è di fatto un “governo tecnico” mascherato. La domanda giusta l’ha posta giorni fa il leader euroscettico inglese Nigel Farage, allorquando, all’indomani delle nomine di Ursula Von Der Leyen e Christine Lagarde ai vertici della “nuova Europa” con il placet di Palazzo Chigi, si chiese sbigottito come mai Salvini Di Maio avessero scelto proprio Conte- ovvero un ultras dell’europeismo più acritico-come capo di un governo che rimane in piedi grazie ai voti dei “populisti”. Farage, come tutte le persone normali- non conoscendo a fondo i “machiavellismi” che caratterizzano la politica italiana, non riesce a trovare una logica per spiegare ciò che accade nel Belpaese. La grande forza del “sistema”, infatti, non consiste nel governare grazie ai voti di quelli che amano essere “sculacciati” da Merkel e Macron, ovvero dei piddini di ogni risma e categoria, ma di comandare in favore dalla Ue dopo avere carpito con l’inganno i voti di quegli elettori che avevano sperato di poter cambiare qualcosa in Europa per mezzo di una elezione libera e democratica. La Ue, invece, come hanno onestamente ammesso nel recente passato alcuni leader in vena di confidenze, non può permettersi di essere democratica, né in Italia né in Grecia. I “gialloverdi”, quindi, si mascherano furbescamente dietro la figura melliflua di Conte così come Bersani Berlusconi si mascheravano- in maniera meno sofisticata- dietro il “loden” di Mario Monti. Il gioco delle parti fino ad oggi ha funzionato. Salvini aumenta i consensi facendo la voce grossa contro gli immigrati, Di Maio attacca a parole le politiche di austerità, mentre ConteTria e Moavero- tutti benedetti dal Presidente Sergio Mattarella- esercitano il potere reale nel nome di una imbarazzante continuità con quelli che hanno governato prima. Nessuno si chiede come mai i tre ruoli più importanti dell’attuale gabinetto siano occupati da gente che non è stata mai votata neppure dai parenti più stretti? Il Premier, il ministro dell’Economia e quello degli Esteri- figure estranee ai partiti di maggioranza- danno chiaramente all’esecutivo in carica un’impronta “tecnica” che, nella neo-lingua in voga oggi, significa in sostanza eterodiretto dalle oligarchie di Bruxelles e Francoforte. Per quanto tempo ancora Salvini e Di Maio potranno prendere in giro gli elettori? Il ministro Tria si appresta infatti a varare l’ennesima finanziaria fatta di tagli e contenimento della spesa, con buona pace dei vari Borghi e Bagnai che assolvono bene il compito di distrarre mediaticamente gli elettori dalle questioni serie e irrisolte. L’economia ristagna, l’Europa non cambia e Salvini è finito inghiottito nella “nebbie russe” alimentate dalla sua pavidità e insipienza. Oramai la verità è chiara a tutti, tranne ai ciechi e agli innamorati: questo governo non riuscirà a liberare l’Italia dalla morsa dei nazisti finanziari. Per questo è indispensabile costruire un nuovo partito, autenticamente sovranista e populista, che- a differenza di Lega e 5 Stelle- non contempli la possibilità di tradire il popolo una volta varcata la soglia del Palazzo. Noi siamo pronti.
Francesco Maria Toscano
15/07/2019

Post popolari in questo blog

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’a…

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…