Passa ai contenuti principali

VLADIMIR PUTIN DECRETA LA FINE DEL MODELLO LIBERALE


In una epocale intervista al Financial Times il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato la “morte del modello liberale” (clicca per leggere). Si tratta della dichiarazione più significativa dal punto di vista geopolitico mai rilasciata ad un grande giornale da un leader di dimensioni mondiali dal tempo della fine della guerra fredda. Putin ha rotto un immenso tabù, quello che costringeva l’uomo moderno a definirsi necessariamente “liberale” per non correre il rischio di finire altrimenti scaraventato nel girone dei fascisti, dei nazisti, degli stalinisti, dei legittimisti, dei tradizionalisti, dei nostalgici e dei passatisti. Dopo la caduta del Muro di Berlino e la “fine della storia” vaneggiata da Fukuyama, nessuno poteva manifestare il minimo dubbio sulle “magnifiche sorti e progressive” che attendevano a braccia aperte una umanità finalmente liberata dalla religione, dal pregiudizio e dalla superstizione, pronta adesso ad auto-divinizzarsi dopo avere “scacciato Dio dai cieli” (Annie Besant). Invece l’uomo “a una dimensione” (Herbert Marcuse) modellato ad uso e consumo dei decisori a cavallo del nuovo secolo, anziché trovare il paradiso in terra, ha finito- reificandosi- per smarrire sé stesso. E adesso, dopo trent’anni passati in letargo, l’umanità finalmente si ribella, estirpando in radice le menzogne poste alla base di un nuovo mondo distopico che concretizza le atmosfere lugubri preconizzate da scrittori come George Orwell (1984) e Aldous Huxley (Il Mondo Nuovo). Anche l’approccio millenaristico tipico di alcuni esalati progressisti perde finalmente slancio, tornando contestualmente attualissima la lezione di tanti pensatori del passato che, da Vico a Spengler, hanno correttamente teorizzato “l’andamento ciclico della storia”. Insomma entriamo lentamente ma inesorabilmente nell’età del “risveglio”. L’analisi di Putin ricalca poi chiaramente la strada tracciata dal filosofo Aleksandr Dugin, teorico di quella “Quarta Teoria Politica” che pone al centro del dibattito proprio la necessità di superare il “totalitarismo liberale” (clicca per leggere). Dobbiamo però stare attenti infine a non esaltare eccessivamente il presidente Putin, uomo indispensabile che ha rotto il malefico ingranaggio globalista sul piano della politica estera, ancora ostaggio però di alcuni inganni neoliberali sotto il profilo strettamente macroeconomico. Non a caso le disuguaglianze economiche sono in Russia inaccettabili e recentemente il governo moscovita ha avuto persino l’ardine di alzare il livello dell’età pensionabile come avrebbe fatto un Mario Monti qualsiasi. Non dobbiamo però pretendere troppo da Putin, uomo cresciuto nel Kgb, abituato perciò a ragionare ontologicamente in termini di conservazione del potere per il potere. La fine del globalismo liberale è già un primo passo nella giusta direzione. Il resto verrà di conseguenza. Probabilmente chi verrà dopo Putin completerà il lavoro del suo predecessore, contribuendo in maniera decisiva alla definizione di un nuovo ordine mondiale che, fondato intorno alle esigenze di Stati sovrani e autonomi ma affratellati, riscopra concetti come giustizia sociale, uguaglianza, merito, solidarietà, rispetto per l’uomo, per la vita e per il sacro. Il denaro, parafrasando Protagora, presto non sarà più “misura di tutte le cose”.


Post popolari in questo blog

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’a…

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…