Passa ai contenuti principali

SENZA ANCORARSI AD UNA NUOVA IDEOLOGIA IN GRADO DI SUPERARE IL TOTALITARISMO LIBERALE I “GIALLOVERDI” ANDRANNO PRESTO A SBATTERE

Qualunque governo “populista”, cresciuto solo sull’onda di un istintivo “ribellismo”, sarà destinato in prospettiva a fallire. In Italia si è insediato un governo formalmente anti-establishment, sorretto da due partiti- Lega e M5S- che contestano l’esistente. La guerra alle élite- vissute giustamente come aliene e nemiche da gran parte della popolazione- assicura una rendita di posizione che Salvini Di Maio sono chiamati a consolidare. Non è detto però che ci riescano. Perché? Perché viviamo tempi magmatici, dominati da emozioni estemporanee e flebili. Matteo Renzi prese oltre il 40% dei consensi nel 2014, oggi non è più nessuno. In pochissimi anni una leadership che sembrava solida si è letteralmente consumata fino a sparire quasi completamente dalla scena pubblica. La natura infingarda del “rottamatore” fiorentino- venuto per consolidare e blindare un sistema di potere proprio nel mentre di fare finta di volerlo superare- è stata rapidamente smascherata dai cittadini italiani. Salvini- se non sta attento- rischia di fare la stessa fine dell’altro Matteo (mentre Di Maio l’ha già fatta) e di precipitare rapidamente nell’abisso dell’irrilevanza. L’idea di mascherare scelte antipopolari e codarde dietro il ghigno fintamente neutro dei vari Conte e Tria, due Mario Monti in sedicesimo, non è affatto brillante. Gli elettori sono oggi in grado di cogliere e demistificare le furbizie di un sistema di potere che non potrà ancora a lungo servire impunemente due padroni come Arlecchino: o il popolo italiano o gli usurai di Bruxelles, tertium non datur. I contorsionismi per evitare la procedura d’infrazione lasciano il tempo che trovano, essendo chiarissima l’intenzione delle oligarchie europee di ricattare l’Italia per difendere lo status quo. Ma un leader libero di una nazione libera non si lascia minacciare da un paio di ubriaconi mitteleruopei. Per riuscire a vincere una partita politica oggettivamente così complicata, però, non servono solo i “numeri”. Il consenso elettorale, pur importante, non basta di per sé a garantire il successo. E’ necessario quindi elaborare e difendere una nuova ideologia politica, capace di fare invecchiare di colpo tanto i vecchi schemi di potere quanto gli uomini che fisicamente ancora oggi li incarnano. Salvini in questo senso viaggia su un pericoloso e anacronistico crinale “reganiano”, mentre Di Maio spazia confusamente dai “gilet gialli” ad Angela Merkel. Con queste premesse i due giovani alfieri del “populismo italico” finiranno certamente con l’andare a sbattere. L’unico modo per rendere non effimera l’attuale esperienza di governo consiste nel dotarla di una forte nobilitazione culturale, ancorata ad una dottrina di pensiero coerente e innovativa che metta in discussione alla radice i pilastri di una modernità decadente che tracima allegramente e bendata verso i lidi inesplorati di una post-modernità mostruosa. Come suggerisce il filosofo russo Aleksandr Dugin nel suo libro “La Quarta Teoria Politica”, dobbiamo individuare quindi un nuovo soggetto storico che annulli la supremazia malefica esercitata dal “totalitarismo liberale” dominante che venera solo l’individuo e i mercati. Dobbiamo quindi preliminarmente trovare il coraggio di rigettare alla fonte l’inganno liberale contemporaneo, la cui natura dittatoriale è adesso evidente e innegabile, senza però riesumare dall’immondezzaio della storia cadaveri putrefatti come il nazismo hitleriano, il comunismo sovietico o il legittimismo pre-illuministico. Uno sforzo sincretistico e non dogmatico che unisca il meglio delle diverse dottrine del passato per colpire al cuore l’ultimo totalitarismo rimasto in vita (quello globalista di marca “liberale” per l’appunto) può risultare utile e necessario. Di Maio e Salvini saranno all’altezza del compito storico che li attende? E’ lecito dubitarne.
P.s. Iscriviti al Risorgimento Meridionale per l’Italia seguendo le semplici istruzioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) per partecipare da protagonista al nostro imminente congresso fondativo
Francesco Maria Toscano
21/06/2019



Post popolari in questo blog

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’a…

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…