Passa ai contenuti principali

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’area euro a partire dal varo della moneta unica. Con sommo stupore chi volesse controllare i numeri senza fidarsi dei racconti veicolati in televisione da gente meno credibile  del “mago Oronzo” come Federico Fubini, Francesco Giavazzi, Ferruccio de Bortoli e tanti altri, scoprirebbe che la verità è l’esatto contrario: da quando esiste l’euro i Paesi che hanno aderito alla moneta unica hanno visto aumentare il proprio debito pubblico. Pure il debito della “virtuosissima” Germania di Angela Merkel è oggi maggiore di quanto non lo fosse prima dell’ingresso dell’euro. E perché mai una architettura comunitaria sorta con l’obiettivo ossessivo di impedire a parole “l’esplodere del debito” dovrebbe infine provocare nei fatti un effetto esattamente contrario? Perché è tutto un imbroglio, un equilibrio sopra la follia direbbe Vasco Rossi, imposto da gente pagata per mentire all’infinito. Del debito pubblico non gliene frega niente a nessuno, tantomeno a Draghi, Merkel o Cottarelli; brandire lo spauracchio del debito serve solo per ottenere un grimaldello concettuale utile per realizzare i veri e dissimulati obiettivi che le diaboliche classi dominanti continentali si sono prefissate, e che non sono di natura economica e finanziaria ma prettamente politica, sociologica e perfino antropologica. I dominanti vogliono creare- e in parte ci sono già riusciti- un equilibrio fra i diversi popoli e le diverse classi fondato sull’abuso del più forte, sulla disuguaglianza estrema, sulla diffusione di una povertà usata come mezzo di controllo di masse da rendere amorfe, inutili, insignificanti e irrilevanti. Un mondo distopico dove pochissimi usurai- feroci nell’agire e felpati nel parlare- decidono della vita di tutti. Il gran sacerdote di questa “combriccola del male” è Mario Draghi, presidente della banca centrale europea pronto a tornare in Italia per imprimere una torsione reazionaria ad un sistema partitico che- pur con tutti i suoi limiti- mostra timidi segnali di risveglio. Non a caso Draghi ha appena ordinato al Parlamento italiano di non insistere con la storia dei “minibot” proposti dal leghista Borghi per non “innervosire i mercati”. Solite minacce di un losco figuro promosso al vertice del potere continentale dopo avere svenduto negli anni’ 90, in qualità di segretario generale del ministero del Tesoro, i beni di uno Stato italiano allora florido e rispettato. Mario Draghi è il principale nemico dell’Italia e degli italiani. Tutti ne prendano atto.
P.s. Iscriviti al Risorgimento Meridionale per l’Italia seguendo le indicazioni sul nostro sito ufficiale: www.risorgimentomeridionale.it
Francesco Maria Toscano
7/06/2019

Post popolari in questo blog

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…