Passa ai contenuti principali

BRUXELLES DELENDA EST

In questi giorni tanti commentatori si improvvisano esperti di geopolitica sentendosi in dovere di spiegare al popolo perché l’Europa sarebbe l’unica speranza che abbiamo per continuare a contare in un mondo dominato dai “giganti” (Usa, Russia e Cina). Il racconto è suggestivo e in parte efficace perché sembra apparentemente di buon senso. Mica il Liechtenstein può pensare di dire la sua nel mondo globalizzato?, mormora tra sé e sé il pizzicagnolo prima di tagliare altri due etti di salame. Parimenti esistono poi quelli che temono la possibile futura disgregazione dell’Europa per paura di diventare conseguentemente una “colonia americana”. Questi tipi, simili ad Alice nel Paese delle Meraviglie, dovrebbero fare lo sforzo di contare quante basi militari americane esistono oggi in Italia nonostante la permanenza in vita di quella stupenda Unione Europea che dovrebbe affrancarci dal controllo a “stelle e strisce”. Ci sono poi quelli che vedono la lunga mano del perfido russo Putin dietro ogni critica rivolta agli euro-burocrati di Bruxelles guidati da un malato di “sciatica cronica” da curare con il lambrusco come Jean Claude Juncker. Gli “espertoni”, in genere europeisti fanatici che spiegano il successo elettorale del governo “gialloverde” quale effetto collaterale dell’ignoranza dilagante (leggi il vergognoso editoriale di oggi pubblicato sul Corriere della Sera per la firma di Maurizio Ferrera e titolato “La Base dei partiti populisti”), dipingono i leader euroscettici nostrani alla stregua di “troll russi” nei giorni pari e di “servi yankee” nei giorni dispari, fregandosene altamente della logica e della coerenza. Il recente viaggio americano del ministro Salvini, per esempio, ha scatenato l’ira di una serie di commentatori annoiati che si agitano per impedire che l’Italia si trasformi adesso in una marionetta governata da oltreatlantico dal parrucchino biondo di Donald Trump; si tratta perlopiù degli stessi opinionisti che fino a ieri chiedevano a Salvini di non mettere in pericolo le storiche alleanze occidentali dell’Italia per mezzo di un inopportuno corteggiamento nei confronti dell’autocrate di stanza al Cremlino. Se volessimo ragionare sui fatti, anziché sposare di volta in volta posizioni tattiche che finiscono con l’essere necessariamente ipocrite, dovremmo riconoscere che l’Europa- così per come la raccontano gli agiografi di Mario Draghi- non esiste. L’Europa non conta nulla politicamente e militarmente perché- a differenza di Cina, Russia e Stati Uniti- non è uno Stato ma un agglomerato di nazioni tenute insieme dalla paura e dal ricatto esercitato di continuo da tecnocrati infingardi e dai padroni dello “spread”. Se l’idea di procedere nella direzione degli Stati Uniti d’Europa è definitivamente naufragata la colpa non è certo di TrumpPutin Xi Jinping, quanto semmai delle miopi e volgari classi dirigenti tedesche e francesi e dei loro camerieri italiani, bravi nell’evocare in teoria la solidarietà europea per poi pianificare in concreto veri e propri olocausti finanziari contro popoli- penso ai greci- ritenuti intimamente inferiori e quindi meritevoli di punizioni esemplari. Questa Europa è un mostro e va abbandonato senza rimpianti prima possibile. Naturalmente sfuggire all’abbraccio mortale dei tedeschi- famosi per la capacità di organizzare ritorsioni fin dai tempi di Sant’Anna di Stazzema- non sarà semplice. Cercare alleati per mandare a cuccia i nipotini di Hitler non è quindi un disonore, e benissimo fa quindi Salvini a coordinarsi con Trump per colpire al cuore l’Eurotower, tempio del potere continentale governato dall’ineffabile Draghi. Non abbiamo alleati eterni così come non abbiamo nemici eterni”- diceva W. Churchill- “eterni e perpetui sono solo i nostri interessi e il nostro dovere è perseguirli”. L’interesse dell’Italia è oggi quello di recuperare margini di autonomia e di sovranità incautamente ceduti ad un manipolo di usurai. Il resto è menzogna o bassa propaganda.

Francesco Maria Toscano
20/06/2019



Post popolari in questo blog

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’a…

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…