Passa ai contenuti principali

Borghi e Galloni smontano Draghi: i MiniBOT sono legali

Giovedì il presidente della Bce, Mario Draghi, aveva dichiarato che i minibot “o sono un'altra moneta e quindi illegali oppure sono altro debito”, aggiungendo di “non vedere una terza possibilità”

 Di Ernesto Ferrante - 8 Giugno 2019

 Gli economisti Claudio Borghi e Nino Galloni smontano la tesi di Draghi sulla presunta illegalità dei minibot e sul loro rapporto con il debito. Nella seduta del 28 maggio la Camera ha approvato un atto di indirizzo che impegnava il governo su molti fronti, tra i quali anche l’eventuale assunzione di “iniziative per l’ampliamento delle fattispecie ammesse alla compensazione tra crediti e debiti della pubblica amministrazione, oltre che la cartolarizzazione dei crediti fiscali, anche attraverso strumenti quali titoli di Stato di piccolo taglio”. La mozione è stata il frutto di una lunga trattativa tra i capigruppo allo scopo di unificare i differenti testi presentati ed è stata votata all’unanimità. Il Pd, dopo la votazione, si è auto-sconfessato, dichiarandosi contrario ai minibot. “So bene che è vietato introdurre monete parallele, sarebbe un disastro. La mia proposta è quella di introdurre uno strumento esigibile per il pagamento di debiti della pubblica amministrazione. Dunque non sarebbe nuovo debito, ma la cartolarizzazione di crediti esistenti”. Lo sostiene, in un’intervista a ‘La Stampa’, il deputato ed economista della Lega Claudio Borghi. Giovedì il presidente della Bce, Mario Draghi, aveva dichiarato che i minibot “o sono un’altra moneta e quindi illegali oppure sono altro debito”, aggiungendo di “non vedere una terza possibilità”. Secondo Borghi, invece, tale possibilità esiste e un provvedimento di questo tipo “sta nel contratto di governo”. “Lo faremo con la legge di bilancio, se riusciremo a realizzare la flat tax eliminando deduzioni e detrazioni, e riconoscendo i crediti di imposta che verranno meno attraverso i minibot”, aggiunge il deputato leghista. Riguardo la presunta intenzione di uscire dalla moneta unica, Claudio Borghi rivendica il diritto “di discutere dell’euro e dei suoi limiti”. Quello dei minibot uno strumento compatibile con i Trattati europei. Non si tratta infatti di nuova moneta bensì, formalmente, di “titoli di stato di piccolo taglio” espressi in euro, senza interessi e privi di scadenza, tra l’altro senza alcuna incidenza sull’ammontare del debito pubblico. Anche se cartacei, i minibot non sarebbero incompatibili coi Trattati europei. L’art. 128 del Trattato sul funzionamento dell’Ue stabilisce che “le banconote emesse dalla Banca centrale europea e dalle banche centrali nazionali costituiscono le uniche banconote aventi corso legale nell’Unione”, e poco prima chiarisce che è solo la Bce ad avere “il diritto esclusivo di autorizzare l’emissione di banconote in euro all’interno dell’Unione”. Anche Nino Galloni contesta la presa di posizione di Draghi nel corso di una interessante video-chat su YouTube con Marco Moiso. “Draghi dice che i minibot o sono illegali o generano stock di debito? I minibot sono titoli di pagamento a valere su debiti già maturati e contabilizzati dalla pubblica amministrazione. Quindi si tratta solo di dare luogo all’erogazione: è un problema di liquidità, non di debito”, ribatte l’economista romano. Sulla loro presunta illegalità, Galloni ha idee ben diverse dal presidente della Bce: “Ciò che la legge proibisce è vietato (esempio: che uno Stato emetta euro, o comunque moneta a corso legale in tutta l’Unione Europea, perché su questo abbiamo demandato la competenza alla Bce). Ma ciò di cui non parla, la legge, nella fattispecie, il Trattato di Lisbona, è ammissibile. Se una amministrazione proibisce alle auto la circolazione nel centro storico nel weekend, non è che ci dev’essere anche una Mario Draghi legge che autorizzi espressamente la circolazione dal lunedì al venerdì”. La moneta locale parallela, non citata dal Trattato di Lisbona, non è quindi neppure proibita. “I minibot, chiarisce ancora l’ex collaboratore di Federico Caffè, sono stati congegnati come mezzi di pagamento fiduciari: chi li riceve lo fa di propria volontà. Cioè: un creditore (un’azienda in difficoltà, che attende di essere pagata da una pubblica amministrazione) può accettare questi minibot, a saldo parziale o totale del suo credito. Accetterà? Lo farà se poi ci farà qualcosa, con questa liquidità, altrimenti sarebbe carta straccia. Sicuramente ci potrà pagare le tasse, perché l’emettitore – lo Stato – dovrà accettare i minibot come pagamento delle tasse”. Ma è la conclusione del ragionamento di Nino Galloni ad essere particolarmente rilevante dal punto di vista politico ed economico: “Sottolineo peraltro un aspetto importante del discorso di Draghi, la prima parte della sua negazione. Lui dice: ‘Se i minibot sono valuta, allora sono illegali’. Vero, ma i minibot – appunto – non sono valuta (non sono convertibili, né spendibili fuori dall’Italia). E quindi Draghi cosa dice, implicitamente? Dice che queste emissioni, se non sono a debito, sono un mezzo monetario. Quindi riconosce chiaramente che si possa creare una moneta ‘non a debito’. E allora mi domando: perché loro creano solo moneta a debito, attraverso la Bce?”.
http://www.opinione-pubblica.com/borghi-e-galloni-smontano-draghi-i-minibot-sono-legali/

Post popolari in questo blog

MARIO DRAGHI E’ IL PRINCIPALE NEMICO DELL’ITALIA E DEGLI ITALIANI

Il dibattito sulla necessità di rispettare le regole europee assume in Italia profili surreali e parossistici. Tanti personaggi da circo che affollano i principali talk show televisivi e scrivono sui nostri “grandi giornali”- più che incompetenti- sembrano di fatto “posseduti” da entità malvagie che  li costringono a portare il cervello all’ammasso e a ripetere all’infinito filastrocche senza senso già smentite dalla realtà fattuale. Tutti gli “italici cottarelli” in pericolosa libera uscita notturna avvertono che fare politiche in deficit significa aumentare lo “stock del debito”. Quindi, usando la logica, l’uomo medio- quello che non ha fatto cioè grandi studi macroeconomici- dovrebbe intuire che le regole europee servono per impedire che gli Stati si indebitino eccessivamente. Poi però succede che nel mondo reale  esistano anche quelli che- non credendo alle favole-  provano a controllare personalmente le traiettorie dei diversi debiti pubblici di tutti i Paesi dell’a…

La Quarta Teoria Politica. Il soggetto storico e il nemico ontologico.

I tempi tristi che viviamo evidenziano la presenza di una crisi non “congiunturale” ma “di sistema”, di una crisi cioè che mette in discussione per inerzia le fondamenta del sistema dominante, obbligando conseguentemente i pensatori meno conformisti ad immaginare “vie di fuga” che permettano in prospettiva di aprire i “tempi nuovi”. Uno dei filosofi contemporanei che in maniera sistematica e lucida sta indicando una strada per uscire dall’impasse è certamente Aleksandr Dugin, pensatore di prestigio internazionale che ha elaborato la famosa “Quarta Teoria Politica”. La Quarta Teoria Politica è una mirabile costruzione dottrinaria che, sulla base di una lettura non convenzionale dei principali processi storici passati e recenti, offre gli strumenti ermeneutici indispensabili per cogliere la vera natura totalitaria del liberalismo odierno, uscito indiscusso vincitore dalle guerre culturali novecentesche combattute contro la seconda teoria politica- ovvero il comunismo- e la terza teoria …

IL PRIMO CONGRESSO DEL RISORGIMENTO MERIDIONALE PER L’ITALIA E’ IMMINENTE. PREPARARSI IN VISTA DELLE PROSSIME ELEZIONI REGIONALI CALABRESI

Cari amici, nei prossimi giorni comunicheremo la data del nostro pre-congresso che dovrebbe tenersi non oltre il mese di luglio. Questo primo incontro serve per fare il punto della situazione, indicare strategie per il rafforzamento del nostro Movimento sull’intero territorio nazionale e prepararsi in vista delle nuove sfide politiche e culturali che ci attendono. Tutti quelli che decideranno di tesserarsi entro quella data seguendo le indicazioni contenute nel nostro sito ufficiale (www.risorgimentomeridionale.it) diventeranno fin da subito protagonisti di una iniziativa destinata a lasciare il segno. Come avevamo più volte ripetuto in precedenza, la candidatura di Diego Fusaro a sindaco di Gioia Tauro rappresentava soltanto il punto di partenza di un progetto che parla all’Italia intera e persegue obiettivi diversi ma precisi, alcuni dei quali verranno giocoforza realizzati nel medio e nel lungo periodo. Nel breve, invece, anticipo fin da ora che il Risorgimento Meridionale per l’It…